SEI RIFUGI SULL’ANELLO DELLA VUT35K plus (SO).

 percorso 3Dhttps://bit.ly/2V57hVpfotohttps://bit.ly/3hlxgAx summer Questa è un’escursione abbastanza impegnativa per cui bisogna valutare le proprie potenzialità ancor prima di partire. Si svolge completamente sul tracciato della corsa Valmalenco Ultra Trail VUT35K con il passaggio in 6 importanti rifugi; a questo chilometraggio vanno aggiunti ancora alcuni chilometri per andare a recuperare la macchina al punto di partenza. Si parte dal Centro Sportivo in località Pradasc di Lanzada (990 m/slm) e seguendo la pista ciclabile si oltrepassa la località Tornadri dove si supera il Torrente Lanterna. Arrivati alla strada asfaltata che sale a Campo Moro si scende per una 50ina di metri per intercettare la mulattiera che va alle cave di Cima Franscia e poi raggiunge il piccolo nucleo di baite dove si imbocca il sentiero per Dosso dei Vetti. Poco più avanti si devia a sx passando per Ciudè (1715 m/slm), per Ciaz (1840 m/slm), poi si sbuca sopra i prati di Cimasassa (1721m/slm) dove inizia la salita che raggiunge il Rifugio Motta a 2236 m/slm). Da questo punto panoramico si continua in direzione Lago Palù fino al bivio per il Paluetto dove però bisogna svoltare a dx e salire al Rifugio Palù e all’Alpe Roggione (2009 m/slm), qui si intercetta il sentiero dell’Alta Via, contrassegnato dal triangolo giallo, e si sale al Bocchel del Torno (2203 m/slm). Il sentiero continua scendendo a fianco delle piste di sci fino a quota 1860 m/slm; in prossimità del Dosso dei Vetti si svolta a sx prendendo il percorso che arriva all’imbocco del Vallone dello Scerscen (1844 m(slm); a Campascio si sale al Rifugio Musella (2021 m/slm). Abbandonando l’Alta Via si fa un’inversione di rotta e si continua sulla mulattiera che arriva ai piedi della diga di Campo Moro dove si sale lungo la stradina che raggiunge il fabbricato dei Guardiani e poi, dopo aver percorso tutta la sommità dello sbarramento (1955 m/slm), si prosegue sul sentiero che porta al Rifugio Zoia. Continuando su questo percorso si arriva all’Agriturismo Il Cornetto, poi al Rifugio Ca’ Runcasch (2160 m/slm); poco più avanti si devia a dx proseguendo verso la piana di Prabello e il Rifugio Cristina (2287 m/slm) dove si intercetta nuovamente l’Alta Via. Alla croce di Prabello il sentiero continua con un continuo sali/scendi; passa dall’Alpe Acquanera (2116 m/slm), continua verso l’Alpe Cavaglia (2104 m/slm) dove in pratica, subito dopo, ha inizio la discesa che raggiunge Piazzo Cavalli. Poco sotto l’arrivo della seggiovia, a quota 1640 m/slm, si devia a dx continuando per Pianaccio (1340 m/slm), poi ai 1210 m/slm di Curada si percorre la vecchia mulattiera che raggiunge l’abitato di Caspoggio. Percorrendo tutti i vicoli del centro si raggiunge così l’arrivo posto al Centro Sportivo Zenith 1080 m/slm). Da qui restano da percorrere gli ultimi chilometri per tornare al punto di partenza. Percorso di circa 39 chilometri – Dislivello positivo 2700 metri – no fontane – cartografia SeteMAP – SeteTRAK – gpx:   https://bit.ly/3yYBpRg – “bergheil” buonC@mmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.