Anello MONTE BIACIAMORTI e MONTE SODADURA (BG)

 percorso3Dhttps://bit.ly/3CP4stufotohttps://bit.ly/3N0bDUawinter – Questa escursione sulle Orobie bergamasche, nonostante non siano state confermate le ottime previsioni meteo, è sempre molto bella anche per la sosta culinaria nell’accogliente Rifugio Nicola (1860 m/slm). Con l’auto si raggiunge la frazione di Pizzino dove si prende il ticket per il transito della VASP che conduce alla località Capo Foppa (1290 m/slm); qui ci si incammina sulla stradina cementata e dopo cinque minuti si devia a dx sul Sentiero N.153. Facendo un lungo traverso si raggiunge la Bocchetta Baciamorti (1540 m/slm) dove ha inizio la dorsale nord-ovest che sale al Monte Baciamorti (2009 m/slm); a 200 metri c’è poi la piccola croce di Monte Aralata (2003 m/slm). Scendendo dal lato opposto si arriva alla Bocchetta di Regadur (1850 m/slm) da dove, con un traverso su e giù verso ovest, si raggiunge il Passo Sodadura (1867 m/slm) ai piedi della piramide dell’omonimo monte. Percorrendo la ripida cresta si arriva sulla cima di questa panoramica montagna da dove si dominano in particolar modo i Piani di Artavaggio però con un cielo sereno…
Scendendo dal Monte Sodadura sulla dorsale ovest si raggiunge in meno di mezz’ora la magnifica e spettacolare struttura del Rifugio Nicola costruito nel 1968; da qui seguendo su una sterrata verso sud e poco prima della Chiesa Maria Santissima si prende il sentiero che va verso est. Passando sotto il Monte Sodadura, il suo passo e la Bocchetta di Regadur si raggiungono i Piani di Albert e il vicino Rifugio Gherardi (1647 m/slm) dove inizia una stradina cementata che permette di arrivare al punto di partenza. Percorso (EE) di circa 21 chilometri – dislivello positivo 1100 metri – no fontane – gpx(seteTRAK): https://bit.ly/3igjyi8 – “bergheil” buonC@mmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.