PASSO TREMOGGIA (SO) da Chiareggio

 percorso3Dhttps://bit.ly/3zANjnFfotohttps://bit.ly/39pb5bLsummer – Il bel Passo Tremoggia si trova sul confine italo-svizzero tra Valmalenco e Val di Fex ma non è adatto per gli scambi commerciali come invece era stato il vicino Passo del Muretto, però 80 anni fa aveva permesso la fuga a chi si opponeva al regime . Con l’auto si sale per Chiareggio (1580 m/slm) passando per Chiesa in Valmalenco tenendo presente che in località San Giuseppe bisogna munirsi di apposito ticket. All’ingresso di Chiareggio, 200 metri prima della chiesa, ci si incammina sulla stradina di dx che sale alle baite di La Corte (1628 m/slm) e poi si segue il sentiero SI-GVO che, in un fitto bosco, va in direzione nord-est all’Alpe Fora (2050 m/slm). Con pendenza superiore tra pascoli, roccette e superando alcuni piccoli corsi d’acqua si raggiunge il pianeggiante Piani di Fora (Ciaz de Fora) a 2300 m/slm. Al centro dell’alpeggio si trova la palina che da’ 2 alternative per salire al passo, la 1^ è la più corta e punta ad est verso il versante roccioso con varie cascate d’acqua, la 2^ va verso sud-est, su SI-GVO, e porta al Rifugio Longoni. Seguendo questo itinerario si sale rapidamente allo sperone roccioso dove è spicca il pennone con bandiera italiana che segnala il Rifugio Longoni (2450 m/slm – Rifugio CAI di Seregno) che si può raggiungere in pochissimi minuti. Ritornati verso la bandiera si trova l’indicazione per il Passo di Tremoggia; è il sentiero 331A che in pratica fa un traverso in direzione nord tra grandi sassi che riportano tantissimi segnavia e a quota 2500 m/slm incrocia quello che sale da Piani di Fora. Attraversato il torrente di Val di Fora il percorso diventa abbastanza ripido senza mollare un momento fin quando si supera quota 2850 m/slm. Poco dopo si arriva al primo laghetto che si lascia sulla dx per passare alti sopra il secondo e raggiungere la meta (3012 m/slm) che si trova tra Piz Tremoggia (dx) e Piz Fora (sx). Oltre al bel panorama sulla Valmalenco e le sue importanti cime ce n’è un altro altrettanto spettacolare sulla Val di Fex e la sottostante Vedretta del Tremoggia. Si ritorna sullo stesso itinerario fino a quota 2500 m/slm dove si prende la traccia di dx (ben segnalata con tanti ometti) che scende a Ciaz di Fora per poi proseguire su SI-GVO per raggiungere il punto di partenza – Percorso (EE) di circa 15 chilometri – dislivello positivo di 1450 metri – no fontane – gpx(seteTRAK): https://bit.ly/3NPUnBc – “bergheil” buonC@mmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *