MONTE BISBINO (CO).

 percorso3Dhttps://bit.ly/32pTPzvfotohttps://bit.ly/3tRIjIswinter – Il Monte Bisbino è un’altra bella meta per un’escursione sui Monti Lariani; i percorsi sono vari, non nascondo il fatto che ci si può arrivare anche in auto. Non conoscendo questo territorio, scherzi a parte, si rischia di salire dall’itinerario più ripido: e così è stato! Lasciata la macchina nei pochissimi parcheggi di Casnedo, nella parte alta (350 m/slm) di Cernobbio, si va verso la Chiesa di San Nicola dove poco più avanti ha inizio una ripidissima mulattiera acciottolata che sale sulla stretta dorsale che sta tra il Torrente Colletta e il Torrente Cosera. Dopo aver superato circa 300 metri di dislivello positivo si arriva al bivio per Duello dove parte la ripida direttissima che raggiunge il Bisbino mentre deviando a sx si prosegue per Pievenello e Quo Vadis e più avanti si intercetta a 870 m/slm il Sentiero Italia. La pendenza torna ad essere abbastanza ripida fino a quando si raggiunge il Boeucc del Bisbino; con un paio di cambi di direzione si passa dal Rifugio Capanna Falco. Qui c’è una delle  “panchine giganti” di Chris Bangle, progetto che prevede moltissime installazione di questo modello in giro per il mondo. In pochi minuti si raggiunge il parcheggio della strada che sale da Rovenna e percorrendo una scalinata si arriva alla vicina sommità del Monte Bisbino (1325 m/slm) dove è presente il Santuario della Beata Vergine e un percorso che passa tra le trincee della 1^ Guerra Mondiale. Dietro la chiesa c’è il Ristoro Alpino Vetta Bisbino (ottima gestione e accoglienza) dove per il ritorno è stato suggerito il sentiero panoramico che percorre la dorsale (anche confine italo-svizzero) che passa sul lato dx della valle del Torrente Cosera. Si transita per Alpe Cavazza (1200 m/slm), Sella Cavazza, Prà Piano, Alpe Merlo per poi raggiungere località Tre Croci. Da qui si prosegue sul sentiero, arricchito da diverse sculture lignee, in direzione di Pizzo Meda (800 m/slm) e della Chiesetta di Sant’Abbondio. Poco più in basso si continua sulla mulattiera che scende ad intercettare la strada che porta a Gentrino (450 m/slm). Da questa frazione di Cernobbio si raggiunge in poco tempo il punto di partenza. Percorso (E) di circa 16 chilometri – dislivello positivo 1150 metri – no fontane – gpx(SeteTRAK): https://bit.ly/3KEkEBa “bergheil” buonC@mmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.