ANELLO DI ANGELOGA (SO).

 percorso 3D: https://bit.ly/2ufDRmBfoto: https://bit.ly/2m3kp8Y  – summer – In auto si va a Campodolcino e poi si sale alla frazione Fraciscio seguendo l’indicazione Rifugio Chiavenna fino al termine della strada asfaltata dove si trova il parcheggio (1400 m/slm – non a pagamento). Qui parte una piccola sterrata che prosegue in direzione ovest e più avanti si trasforma in sentiero C3 ben tracciato tra boschi con ottima vegetazione. Salendo lungo una valletta si sbuca all’inzio dell’Alpe Angeloga (2030 m/slm); svoltando a dx si attraversa un ponticello e si raggiunge il dosso meridionale dell’alpeggio dove si trovano 2 piccoli specchi d’acqua. Da qui si ammira il lago dell’Angeloga, il Rifugio Chiavenna e le caratteristiche baite in sasso; alle spalle del rifugio parte un ripido sentiero che con moltissimi tornantini arriva alla bocchetta del Lago Nero (2340 m/slm). Questo è il primo dei tantissimi laghi di varie dimensioni che arricchiscono il bellissimo paesaggio. Da questo lago si prosegue alla Croce del Passo di Angeloga (2400 m/slm); poco lontano dalla Croce si imbocca il sentiero dei laghi in direzione sud per poi deviare e scendere per un’altra via al Lago Angeloga. Dal Rifugio Chiavenna, per non fare lo stesso percorso della salita, si prende il sentiero C10 che, con vari sali/scendi, porta alla statua della Madonna d’Europa (1950 m/slm) e alla vicina località turistica di Motta di Sotto.  Proseguendo verso sud sulla stradina sterrata si scende con vari tornanti al Monte di Sopra e al parcheggio dda dove si era partiti. Percorso (EE) di circa 22 chilometri – Dislivello positivo 1400 metri – gpx(setetrak): https://bit.ly/3wfCWSt – “bergheil” buonC@mmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.