ANELLO DI ANGELOGA (SO).

 summer –foto:https://bit.ly/2m3kp8Y  –videotraccia:https://www.relive.cc/view/vevYJ7p91JOIn auto si va a Campodolcino e poi si sale alla frazione Fraciscio seguendo l’indicazione Rifugio Chiavenna fino al termine della strada asfaltata dove si trova il parcheggio (1400 m/slm – non a pagamento). Ci si incammina su una piccola sterrata che prosegue in direzione Ovest che più avanti diventa il Sentiero C3 ben tracciato nel bosco. Salendo lungo una valletta si sbuca all’inzio dell’Alpe Angeloga (2030 m/slm) dove si svolta a dx su un ponticello e si raggiunge il dosso meridionale dell’alpeggio dove si trovano 2 piccoli specchi d’acqua. Da qui si ammira il Lago dell’Angeloga, il Rifugio Chiavenna e le caratteristiche baite in sasso. Alle spalle del rifugio parte un ripido sentiero che con moltissimi tornantini arriva alla bocchetta del Lago Nero (2340 m/slm). Questo è il primo dei tantissimi laghi di varie dimensioni che arricchiscono il bellissimo paesaggio. Da questo lago si prosegue alla Croce del Passo di Angeloga (2400 m/slm); vicino alla Croce si imbocca il sentiero dei laghi in direzione Sud per poi deviare e scendere per un’altra via al Lago Angeloga. Dal Rifugio Chiavenna, per non fare lo stesso percorso della salita, si prende il Sentiero C10 che, con vari sali/scendi, porta alla statua della Madonna d’Europa (1950 m/slm) e alla vicina località turistica di Motta di Sotto.  Proseguendo poi verso Sud sulla stradina sterrata si scende con vari tornanti al Monte di Sopra e al parcheggio da dove si era partiti. Percorso (EE) di circa 22 chilometri – dislivello positivo 1400 metri – “bergheil” buonC@mmino  –gpx(setetrak):https://bit.ly/3wfCWSt  –percorsointerattivo:https://www.relive.cc/view/vevYJ7p91JO/explore  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *