ALPE CASTELLACCIO (SO).

 spring  –foto:https://photos.app.goo.gl/P6X8ZdNdYgtuyGNx8  –videotraccia:https://www.relive.cc/view/vRO7Jk1mgyv  – L’Alpe Castellaccio è un bel alpeggio che si trova sulla dorsale che, poco a Nord di Sondrio, separa la Val di Togno dalla Valmalenco; proseguendo si potrebbe salire alla Cima di Foppa (2444 m/slm). Con l’auto si sale fino al piccolo Comune di Spriana (754 m/slm) lasciandola nei vari parcheggi non a pagamento. Dietro il campanile si imbocca, in direzione S-E, l’antica mulattiera N. 365 che va al borgo di Bedoglio (926 m/slm – abitato fino agli anni ’60). Proseguendo si intercetta la VASP che inizia poco prima di Spriana, la si percorre passando nei pressi della diroccata Contrada Piazzo; dove termina la sterrata c’è una galleria costruita per monitorare la grande Frana di Spriana. Si continua su un facile sentiero fino  ai 1214 m/slm dove arriva quello che sale da Portola. Continuando verso N-E si percorre la ripida dorsale che separa la Val di Togno dalla Valmalenco. Si transita per Alpe La Costa e per Alpe Prato  (1646 m/slm) dove il sentiero inizia ad essere meno ripido. Dopo un’altra abbondante mezz’ora di cammino si arriva ai piedi dell’Alpe Castellaccio. Una traccia sale in direzione Nord e va alla Croce di Monte Foppa, un’altra (poco frequentata) scende verso la Val di Togno all’alpe Grum dove ci sono antiche incisioni rupestri, ma oggi si svolta a sx raggiungendo la bella Baita Varisto (2004 m/slm). Ci sono ottimi panorami verso la Valmalenco, le Orobie centrali e la città di Sondrio. Il ritorno avviene sullo stesso itinerario della salita. Percorso di circa 13 chilometri – dislivello positivo di 1250 metri – poche fontane – “bergheil” buonC@mmino – gpx(seteTRAK):https://goo.by/eWhau   –percorsointerattivo:https://www.relive.cc/view/vRO7Jk1mgyv/explore  

2 commenti su “ALPE CASTELLACCIO (SO).”

  1. Gran bella escursione, colma di ricorsi storici e paesaggistici, monte selvaggio e inospitale ma denso di intense sorprese.

  2. Una metà che ho sempre voluto fare.Ho chiesto a Sergio varisto, ch mi dice che si può anche partire da Marveggia.Lo hai mai fatto? Tengo presente il tuo tragitto anche se molto impegnativo ,visto le condizioni del mio ginocchio sx ciauu alla prossima metà…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *