SONDRIO e DINTORNI (SO) – summer

le foto: https://bit.ly/2Uoo2X7 – percorso 3D: https://bit.ly/2UkshmI – Bella escursione tra Sondrio ed alcune sue frazioni. Meglio non farla nel periodo estivo con giornate troppo calde. Si può partire dai parcheggi dell’Auditorium Torelli dove, lasciata l’auto, ci si dirige verso occidente percorrendo la Via Valeriana e si sale per la strada che porta a Triasso. In questa parte occidentale del Comune di Sondrio si coltivano le viti dalle cui uve si produce il famoso “SASSELLA”. All’imbocco della frazione si prende la prima a dx che sale ripida fino al dosso della strada interpoderale chiamata delle Rocce Rosse. Dirigendosi verso levante si arriva alla frazione Sant’Anna dove spicca l’ex Convento di San Lorenzo. Qui termina la panoramica sulla vallata e si scende verso la frazione di Mossini che si raggiunge attraversando la strada provinciale. Dopo il primo tornante si imbocca la scalinata acciottolata che sale passando nel cuore più vecchio della frazione e si sbuca in corrispondenza del campanile. Continuando sulla strada carrozzabile in direzione nord si percorre un breve tratto della strada della Valmalenco però dopo un centinaio di metri si devia a dx in direzione della frazione di Arquino inoltrandosi per un po’ nella vallata. Qui si intercetta il Sentiero Rusca che parte da Sondrio ed termina a Coira (Svizzera). Attraversato un vecchio ponte romanico si inverte la direzione dirigendosi verso la frazione di Ponchiera. Al termine di questa inizia la discesa che scende a Sondrio. In prossimità dell’ex cotonificio Fossatti si imbocca  Via Scarpatetti si arriva dopo un paio di curve a prendere la deviazione che permette di percorrere la bella scalinata della Salita Ligari che porta in Piazza Cavour.  Proseguendo in direzione sud, sulla via Beccaria, si raggiunge Piazza Garibaldi e da lì, attraversato il ponte sul Torrente Mallero, si percorre il suo argine orografico dx fino al 5° ponte dove si devia nuovamente a dx dirigendosi alla rotonda con fontana che immette all’inizio della strada per la Valmalenco. Dopo un centinaio di metri si svolta a sx raggiungendo così il punto di partenza. Essendo un percorso quasi interamente su strade carrozzabili, e senza marciapiedi, si ricorda che i pedoni (e i runners) devono procedere tenendo il lato sx della carreggiata (art. 190 del C.D.S.).
percorso di circa 14 chilometri – dislivello positivo – 385 metri – differenza altimetrica 230 metri – diverse fontane “bergheil” buonC@mmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.