da SONDRIO alla CRUS DE CARNA’ (SO) – spring

 percorso 3Dhttps://bit.ly/3lZ26zHfotohttps://bit.ly/39p5sa6 –  Continuano le escursioni che partano dalla mia abitazione perché voglio ricordare come mia madre, i miei zii, i miei nonni e tantissimi altri andavano a piedi sui maggenghi per svolgere le attività agricole mentre per Noi è solo un piacere.
Partendo dai 299 m/slm ci si avvia verso Scarpatetti per poi salire all’ex ospedale psichiatrico dove si imbocca il sentiero che passando per i vigneti permette l’avvicinamento a Montagna in Valtellina. Percorrendo le vie secondarie di Buscianico, Ruina, Crocifisso e Carasc si arriva alla piazza della Chiesa di San Giorgio (570 m/slm). Passati dal cimitero, alle prime case di Ca’ Farina, si prende il sentiero sulla sx che va al Mulino di Ca’ Mazza (860 m/slm) e poi, superato il torrente Davaglione, si arriva al rudere del Castello di Mancapane (895 m/slm).
Alle spalle della torre, su un ripido sentiero, si raggiunge il tornante che supera il Davaglione sulla strada per San Giovanni. Poco più avanti c’è il sentiero che sale verso levante; a 1120 m/slm fa una deviazione verso sx che permette di raggiungere Bedola, poi Ca’ Briella e Scessa (1275 m/slm). Il percorso incrocia un paio di volte la strada asfaltata arrivando al tornante (1405 m/slm),  qui ci sono le segnalazioni per “Daun Cian” (Davaglione Piano). Superato nuovamente il Davaglione si arriva alle (1400 m/slm), il sentiero prosegue fino ad intercettare la strada “tagliafuoco” che va a Carnale. Percorsi un centinaio di metri si prende la traccia sulla dx che sale ai 1595 m/slm della Croce di Carnale (Crus de Carnà).
Poco sotto la croce parte il sentiero che scende a Carnale e poi si prosegue per San Giovanni; superati 6 tornanti si riprende il sentiero che scende a Ca’ Bongiascia, Ca’ Pavadri e poi Ca’ Benedetti (775 m/slm). In prossimità della fontana si percorre l’acciottolato che va a Ca’ Credaro arrivando a Ca’ Paini.
Attraversata la Contrada della Madonnina, percorrendo sentieri e poi la Strada delle Prudenze, si raggiunge la frazione di Ponchiera da dove si continua la discesa verso Sondrio. Percorso di circa 23 chilometri – dislivello positivo 1348 metri – differenza altimetrica 1294 metri – poche fontane – sentieri tutti percorribili – “bergheil” buonC@mmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.