SALITA ALLA CIMA SOLDA (SO).

percorso 3D: https://bit.ly/2Ml3ZEr foto: https://bit.ly/2v9q0Q4summer – Una bella meta della Valfurva è la Cima Solda a 3376 m/slm. Si parte dal parcheggio del Rifugio Forni (2150 m/slm) dove si imbocca il sentiero N.28B (pista sterrata) che porta direttamente al Rifugio Pizzini (2700 m/slm). Quisi devia sul sentiero N.28C che si dirige verso quel poco che resta del ghiacciaio del Gran Zebrù; dopo poco si comincia a salire il ripido sentiero, tutto a zigzag, che porta al Passo del Cevedale a 3240 m/slm per poi raggiungere con pochi passi il Rifugio Casati (3254 m/slm) a lato del ghiacciaio “morente” che scende dal Monte Cevedale. Poco lontano da questo bel rifugio c’è il Rifugio Guasti, che adesso chiuso definitivamente. Sono presenti i resti delle trincee e i fili spinati risalenti alla 1^ Guerra Mondiale; si trovano anche i ruderi di un piccolissimo “villaggio” militare. Proseguendo si arriva sulla Cima Solda da dove si ammira il maestoso Gran Zebrù. Nel ritorno, giunti al Rifugio Pizzini, si devia a sx sul sentiero N.28A che va al piccolo e accogliente Rifugio Branca (2493 m/slm), dove vale la pena di fermarsi per un’ottima merenda, e poi si scende al punto di partenza. Veder questi ghiacciai che si riducono ad una velocità impressionante fa pensare male per il futuro del pianeta e c’è da non credere a chi sostiene che si possono riformare. Percorso (EE) di circa 23 chilometri – Dislivello positivo 1430 metri –  gpx (setetrak): https://bit.ly/35502yU – “bergheil” – buonC@mmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.